darwin

[ Blog ]

Il batterio a cui piacque la limonata

Richard Lenski, della Michigan State University, ha condotto uno dei più lunghi esperimenti sul tema dell’evoluzione. Dal 1988 in avanti, nel suo laboratorio sono state nutrite e lasciate nei loro contenitori, generazione dopo generazione, 12 colonie di Escherichia coli (si tratta di un batterio che vive nella parte bassa dell’intestino degli animali a sangue caldo, quindi anche nel nostro). Dopo vent’anni e dopo che 31.500 generazioni di batteri si erano succedute e miliardi di mutazioni erano intervenute, una delle colonie (solo una) ha sviluppato la capacità di nutrirsi anche con acido citrico, che era tra la miscela di nutrienti che venivano loro somministrati e che non viene di norma assorbito da quel batterio.
[ Blog ]

Darwin e la farfalla immaginata

“Il fiore dell’orchidea Angraecum sesquipedale del Madagascar possiede un nettario (sperone) di straordinaria lunghezza, simile ad una frusta. Pertanto, nel Madagascar, devono esistere farfalle notturne gigantesche, la cui proboscide è adatta a questo fiore e può essere allungata fino a quasi 30 centimetri! Questa mia idea è stata messa in ridicolo.” (Charles Darwin, “I diversi apparecchi col mezzo dei quali le orchidee vengono fecondate dagli insetti”, 1877)