Storie

Alla fine degli anni 70, George Lucas era reduce dal successo di “Star Wars” e Steven Spielberg da “Incontri ravvicinati del terzo tipo” (non proprio dei superotto di famiglia, insomma). Ciononostante fecero il giro di ognuno degli studios, e nessuno a Hollywood accettò di produrre “I predatori dell’arca perduta”. Dopo molte insistenze riuscirono a farlo produrre alla Universal. Diventò uno dei più grandi incassi di sempre e vinse 9 Oscar (1).

“Teste dure, presuntuose e ostili”

Una raccolta di articoli, che pubblicheremo nel corso dei prossimi mesi, in cui andremo a riflettere sulle nostre mancanze, sulle carenze degli umani in quanto specie e in particolare sulle lacune dei sapiens del XXI secolo: post-industriali, post-animali, post-culturali, post-intelligenti. Una serie, quindi, sulle nostre deficienze. Che sono piuttosto gravi, peraltro.

Piccolo prontuario di non-soccorso

Se, come me, soffrite di un irrefrenabile istinto che vi porta a voler soccorrere ogni singolo animale che sembra in difficoltà, vorrei darvi dei piccoli consigli, che io stessa avrei voluto ricevere qualche decina di anni fa e che mi avrebbero permesso di scongiurare svariati piccoli drammi domestici.

Uccello al mandarino

L’alca crestata (Aethia cristatella) dell’Alaska ha delle piume profumate sul collo che emanano un odore simile a quello degli agrumi. Durante la stagione degli amori, maschi e femmine si annusano reciprocamente, probabilmente perchè questo profumo rivela le qualità dell’eventuale partner: più l'uccello è profumato più è sano. Questo modo di comunicazione tramite odori è molto insolito negli uccelli poiché, possedendo un pessimo olfatto, solitamente trasmettono informazioni con suoni e segnali visivi.

L'isola dei giganti e quella dei nani

Cos’hanno in comune le testuggini delle Galapagos, i draghi di Comodo, il sambar delle Filippine, il kakapo della Nuova Zelanda, il cervo sardo e tutti i vari elefanti nani (fossili) trovati in diverse parti del Mediterraneo?

Costole perforanti

Il tritone iberico (Pleurodeles walti) è un anfibio famoso per le numerose missioni spaziali e gli studi sull’effetto della gravità alle quali ha partecipato. È anche noto per il suo insolito comportamento difensivo: se afferrato, fa fuoriuscire dai lati del corpo le costole appuntite che, grazie anche alle sostanze velenose prodotte dalla pelle, diventano efficaci armi da difesa.

L'allegro statistico

Hans Rosling era un signore svedese con gli occhiali, capello biondo scandinavo pettinato con la riga e camicia senza cravatta. Hans Rosling è morto all’inizio di febbraio di quest’anno a 69 anni e mi manca molto.