×

Messaggio di stato

  • IPGV&M: passing the following to Google Maps:
  • - map options {"mapTypeId":"roadmap", "disableDefaultUI":true, "zoom":9, "zoomControl":true, "scaleControl":true, "scrollwheel": false}:
  • - center option: 1
  • - visitor marker:
  • - use GPS: 1
  • - visitor location fallback: (-, -)
  • - marker directory : http://farfallenellatesta.it/sites/all/modules/ip_geoloc/markers
  • - marker dimensions : w21 x h34 px, anchor: 34 px
  • - 1 locations found
  • - marker predefinito [] (45.7193956, 11.305841200000032)

    Zamberlan Mountain Sport


  • -- Google map preparation time: 0.00 s

In viaggio con la scienza / Malesia

data Venerdì, 19 Febbraio, 2016
durata Dalle 20:30
campi Geografia
partner Coop. Biosphaera
costo Gratuito
luogo

Una serata gratuita e aperta a tutti, per parlare della natura della Malesia, tra animali endemici, specie vegetali e habitat unici. Uno dei paesi che meglio rappresenta la biodiversità del Sud Est Asiatico, la Malesia offre le migliori opportunità in termini di ricchezza biologica, accessibilità e sicurezza. Percorrendo agevolmente brevi distanze si possono osservare tutti i principali ambienti tropicali a costi contenuti. Dalle foreste pluviali a quelle di mangrovie, le foresta di montagna e i fondali marini corallini più ricchi di vita. Il tutto piacevolmente condito da una cultura multietnica in cui si incontrano i sapori, i colori e le tradizioni più diverse tipiche dell'Asia tropicale.

Il fotografo e naturalista Francesco Barbieri, direttore scientifico di Farfalle nella testa, racconta le straordinarietà della Malesia, e i dettagli dell'ecotour naturalistico scientifico che Danaus proporrà nel prossimo mese di agosto.

La natura

La Malesia vanta le foreste pluviali più antiche del globo. Le evidenze fossili dimostrerebbero infatti che le attuali giungle malesi siano sorprendentemente simili a com'erano 130 milioni di anni fa. La stabilità nel tempo di questi ecosistemi ha probabilmente portato all'evoluzione di un gran numero di specie con forme, colori e altre strategie particolarmente “elaborate”. Qui si incontrano gli animali più mimetici, i fiori e i frutti più grandi, 

Le persone

La penisola malese è da tempi storici un territorio strategico per il commercio marittimo. Per questo motivo negli ultimi due millenni è stata colonizzata più volte da gruppi provenienti dalla vicina Indonesia, Cina e India. La popolazione attuale è il risultato di questa mescolanza e ci offre un'ottima opportunità per conoscere e comprendere la caleidoscopica cultura asiatica. In diverse aree remote vivono gruppi tribali indigeni che dipendono ancora dalle risorse della foresta e hanno mantenuto le loro antiche tradizioni. Incontrarli è un viaggio nel tempo, come tornare a quando il confronto tra uomo e natura era ancora ad armi pari.

Conservazione

Tutti i viaggi di Danaus hanno tra gli obiettivi anche quello di conoscere e sostenere progetti di conservazione locali. Una delle mete di questo itinerario sarà il parco marino Pulau Redang, situato sul versante orientale della penisola, noto per la ricchezza dei suoi ambienti corallini. Molte delle sue spiagge sono visitate ogni anno da diverse specie di tartarughe marine che vi depongono le uova. Durante la nostra visita saremo ospitati nel centro per la tutela delle tartarughe situato sulle isole Perhentian, tra le più belle dell'arcipelago. Il progetto, chiamato Perhentian Turtle Project, ha come scopo lo studio delle popolazioni locali di tartarughe marine e la tutela dei siti di deposizione delle uova (info: www.perhentianturtleproject.com).